Oblivion
Oblivion shared Massimiliano Fusco Photography’s album

Oblivion shared Massimiliano Fusco Photography’s album

#thehumanJukebox by Oblivion al Teatro Olimpico Lorenzo Scuda Francesca Folloni Davide Calabrese @Grazia Borciani Fabio Vagnarelli Consulenza Registica di Giorgio Gallione Una produzione BaGS Entertainment in collaborazione con Malguion srl #photo Massimiliano Fusco info ticket: http://teatroolimpico3.ticka.it/dettaglio-spettacolo.php?negozio_spettacolo_id=484 — Cinque contro tutti. Un articolato mangianastri umano che mastica tutta la musica mai scritta e la digerisce in…

#thehumanJukebox by Oblivion
al Teatro Olimpico

Lorenzo Scuda Francesca Folloni Davide Calabrese @Grazia Borciani Fabio Vagnarelli

Consulenza Registica di Giorgio Gallione
Una produzione
BaGS Entertainment
in collaborazione con Malguion srl

#photo Massimiliano Fusco

info ticket:
http://teatroolimpico3.ticka.it/dettaglio-spettacolo.php?negozio_spettacolo_id=484


Cinque contro tutti. Un articolato mangianastri umano che mastica tutta la musica mai scritta e la digerisce in diretta in modi mai sentiti prima. Questo è OBLIVION: THE HUMAN JUKEBOX.

Alla perversa creatività dei cinque cialtroni più irriverenti del teatro e della Rete si aggiunge, questa volta, quella del loro pubblico che contribuirà a creare il menù della serata suggerendo gli ingredienti della pozione.

Gli Oblivion hanno in repertorio tutto, l’intero pantheon dei grandi della musica italiana e internazionale e sono pronti ad affrontare sfide sempre più difficili a colpi di parodie, mash-up, duetti impossibili, canzoni strampalate.

Un flusso di note e ritmi infinito che prenderà vita davanti agli occhi attoniti degli spettatori, ogni sera, per una esperienza folle e mai ripetibile.

Dai Ricchi e Poveri ai Rapper, da Ligabue ai Cori Gospel, da Morandi ai Queen, tutte le canzoni senza farne nessuna. Uno schiacciasassi che trangugia e livella Sanremo, X Factor, Albano e Il Volo.

OBLIVION: THE HUMAN JUKEBOX è la playlist che non hai mai avuto il coraggio di fare, uno Spotify vivente che provoca scene di panico, isteria collettiva, ma soprattutto interminabili richieste di bis!


Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.