Oblivion

L’Otello pop-rock degli Oblivion tra Rettore e Mercury

[MONTECCHIO MAGGIORE] Solo gli Oblivion potevano trasformare Otello in Bal-otello e Desdemona in Desde-mòna. Teatro esaurito e applausi diventati addirittura battimani a Montecchio Maggiore per il quintetto bolognese composto da Graziana Borciani, Davide Calabrese, Francesca Folloni, Lorenzo Scuda e Fabio Vagnarelli che hanno portato in scena “ Othello, la H è muta”. Uno spettacolo ricco di ironia, gag esilaranti e arie d’opera. In poco più di novanta minuti i cinque attori-cantanti riescono a far divertire e far ridere fino alle lacrime gli spettatori. Già dall’apertura del sipario e lo show comincia in dialetto veneto con la descrizione del famoso fazzoletto, ricamato con enormi fragole, per poi raccontare il dramma trasformandolo, da opera e tragedia, in parodia e commedia. Ed è in questo contesto che gli Oblivion danno il meglio di loro stessi: il coro dell’overture di Verdi cambia e diventa di punto in bianco il coro della Champions League, il monologo di Iago diventa un mimo, quello di Otello una canzone di Ligabue e il dialogo fra il Moro e Iago sulla gelosia viene descritto prima secondo lo stile di Piero Angela e poi di Dario Fo.
Uno spettacolo che, in alcuni tratti diventa addirittura concerto, con il quintetto capace di notevoli abilità canore. Innumerevoli poi le citazioni da Battisti a Vasco Rossi e Freddy Mercury da Rettore, con l’esilarante “ Il Cassio non è un serpente”, a Caterina Caselli alla scena madre, l’uccisione di Desdemona, che da drammatica diventa divertente con “Nessuno mi può soffocare”. Applausi scroscianti.

A.F. (Il Giornale di Vicenza)

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.