Oblivion

Festival Gaber 2010

[…] Altra sorpresa e rivelazione della serata il gruppo degli Oblivion, un quintetto vocale che spopola in rete e ormai anche nei teatri, che puntano su un teatro canzone di un umorismo travolgente mentre si dimostrano assolutamente acrobatici e virtuosi nei giochi vocali. Hanno proposto, oltre a «Torpedo Blu», un collage dell’opera omnia di Gaber condensato in cinque intensi minuti. Una sorta di Bignami del Signor G.

Mario Luzzatto Fegiz (Corriere della sera)

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.